domenica 28 agosto 2016

NON SEI MAI ANDATA VIA di Mauro Caliendo

13713369_1152029808195308_256708189_nComunque le tue poesie mi piacciono, questo lo sai già! Queste parole erano nella mail che avevo inviato a Mauro qualche giorno fa, quel comunque è dovuto ad un mio pensiero spassionato. Trovo NON SEI MAI ANDATA VIA un profondo squarcio sul sentire maschile. Non a caso sto leggendo più autori uomini che autrici donne. Come dice una mia amica sembro la paladina del sesso forte, ma non è così! Vedo solo persone che nella scrittura riescono a dare molte emozioni.Potrei dire anche gli uomini hanno un cuore, ma sarebbe una cattiveria gratuita; fortunatamente la stragrande maggioranza ha un sentimento vero dentro di se.Nelle Poesie di Mauro ho trovato ciò che anche io ho provato quando mi sono resa conto che il matrimonio era finito. Siamo identici noi esseri Umani: quando amiamo, quando ci rendiamo conto che è finita e non riusciamo a comprendere il perché. Lo sbandamento, il porsi domande il ri-inventare i giorni, sono cose che appartengono ad entrambi i sessi.                                                                               Siamo tutti mele del solito albero!
13728489_1152030381528584_560287957_o

Questa è la solita e banale domanda, ma io sono banalmente curiosa perciò te la fo!

QUANDO HAI INIZIATO A SCRIVERE E PERCHÈ? Se c’è un perchè oviamente!

Credo di aver cominciato a scrivere “pensierini” fin da piccolo appena ebbi un minimo di dimestichezza con la scrittura, adoravo leggere e immergermi negli infiniti mondi racchiusi nei libri, per poi tentare di imitarli.Ho avuto la fortuna di avere genitori avidi di libri e…fumetti (altra mia passione) per cui in casa non mancava mai materiale e moltissimi erano i libri di poesia. Ad ogni modo, al di la delle cose che scrivevo per me in segreto tipo diario (sì, anche noi maschietti o almeno io, avevo un diario segreto) e pensierini scritti a scuola. Ma la mia prima vera “uscita pubblica” fu una poesia a tema “ecologista” quando ero in quinta o forse quarta elementare: non ricordo.Mi obbligò a partecipare la maestra e per il quale mi regalarono una bellissima enciclopedia degli animali e un buono di 250mila lire da spendere in libri! Il tema del concorso era “c’era una volta” dove si poteva inviare un disegno, una poesia, un racconto o un lavoretto a tema, e i lavori  sarebbero  stati esposti e venduti per beneficenza a Roma in via Margutta: la strada  degli artisti! Ricordo ancora la poesia, leggerla oggi mi fa sorridere, era una sciocchezza, ma mi emoziona lo confesso…. eccola :
C’ERA UNA VOLTA
C’era una volta l’odore dei fiori,
c’erano i prati di tutti i colori,
c’erano i pini, gli abeti, i faggi,
c’erano anche gli scarafaggi!
Ora l’uomo ha cambiato tutto
ed il mondo è proprio rutto,
perché non impariamo a difender la natura,
senza aver tanta paura del progresso
che l’uomo fa solo per se stesso?

13709647_1152030388195250_1422591356_o

 HO TROVATO NELLE TUE POESIE MOLTA TENEREZZA, MAI RABBIA eppure quando un rapporto finisce questo genere di sentimento viene quasi sempre fuori.

Premesso che questa prima raccolta di poesie nasce in “autoterapia” all’indomani della mia separazione ( ma scrivo anche d’altro)!  Ad un certo punto è come se mi avesse urlato “Mauro condividimi, liberati di me e consegnami in pasto a chiunque vorrà scavare dentro di te” così è uscita dal cassetto dove gelosamente l’ho custodita a lungo. Hai ragione, nessuna rabbia, nostalgia e rimorso sì! Quando ci si lascia non c’è quasi mai la colpa di uno solo e capita per un insieme di cose, anche piccole. Non c’è bisogno di chissà che cosa a volte per spezzare un incanto, “purtroppo”! Anche il mio mestiere di avvocato m’ insegna questo.Ma sono stati anni felici (7 da fidanzato e 20 di matrimonio) anni di corse, emozioni, risate pianti figli 3 bellissimi, anni senza fiato, interamente vissuti di vittorie e di sconfitte ma sempre anni “insieme” finché abbiamo retto, quindi niente rabbia, era scritto andasse a finire così anche se avrei voluto cambiare il finale. Fortunatamente vado d’accordo con la mia ex e credo sia soprattutto questo il motivo per cui la “dolcezza amara del ricordo” la “tenerezza” sopravanza la rabbia. Meglio aver amato (tanto) e perso, che non avere amato mai diceva qualcuno…..

13695255_1152029968195292_28953890_n

QUANDO SCRIVI UNA POESIA, ( ti pongo questa domanda perchè  a me capita sempre e mi stupisco sempre ) COSA PROVI E TI CAPITA MAI DI STUPIRTI O COMMUOVERTI?
Le poesie, tutte , ma in particolar modo quelle di questa raccolta, ovviamente, sono “pezzi di cuore” che metto a nudo, brandelli d’anima. Quando scrivo in qualche modo “rivivo e rielaboro” le emozioni, mi chiedi se mi commuovo? Sì, sempre, immancabilmente a volte ancor prima di scrivere, mi basta aver trovato una parola, una frase, anche sentita in una canzone. Infatti spesso le mie poesie traggono ispirazione diretta e indiretta dalla musica: altra mia passione e quella parola, quella frase  su cui molte volte faccio “girare” il resto dei miei versi. Si mi commuovo e mi ritrovo in lacrime, letteralmente…… devo dire però che mi capita anche per un film, un gesto dei miei figli, una canzone (appunto) …quando in qualche modo vengo investito da emozioni ricordi e “bellezza” anche di fronte a un tramonto o un paesaggio ad esempio.  Ecco tutto questo si manifesta spesso se non sempre con un la commozione, deve in qualche modo uscire evidentemente…Ti confesso che alle presentazioni del libro cerco sempre un lettore esterno perchè so bene che se leggessi io sarebbe assai probabile, per non dire certa, la classica “voce interrotta dall’emozione”

13695766_1152030371528585_1613968131_n
TU HAI UN FIGLIO , COSA PENSA DI QUESTA TUA PASSIONE?                                                                                                                                                                  Ho già detto che ne ho ben tre, una ragazzina di 17 anni Chiara, poi due maschietti uno di 14 Andrea, il mio censore più spietato e il piccolo Alberto di 9 anni (quello a cui ti riferisci perché citato nella presentazione del libro) ovviamente tutti e tre sanno bene chi sono, non sempre apprezzano questo mio lato “poetico” cercano giustamente anche la figura di un padre che possa guidarli (e ci mancherebbe) ma sono  convinto che in fondo fingano di non amare a volte questo mio aspetto, lo so da quello che leggono, da ciò che scrivono, da come anche loro reagiscono a film, canzoni, tramonti….si dice che il frutto non cade mai troppo lontano dall’albero e poi i due più grandi spesso mi chiedono di aiutarli con l’italiano visto che “sono il poeta di famiglia!!!!” tutti e tre i miei cuccioli poi sono stati quasi sempre presenti alle presentazioni che ho fatto (la mia ex è stata brava anche in questo) e Chiara non manca mai di postare la poesia a lei dedicata al suo gruppo di amici su facebook il giorno del suo compleanno e lo fa con orgoglio (e io vedendolo, ovviamente, mi commuovo!)
13713369_1152029808195308_256708189_n

UN LIBRO È UN EMOZIONE PER CHI LEGGE, PER TE CHE LO HAI SCRITTO CHE EMOZIONE HAI PROVATO NEL VEDERE LE TUE PAROLE SU CARTA , OPPURE TI SEI SENTITO SVUOTATO?  SONO CURIOSA DI QUESTO MOLTI MI DICONO CHE SI SENTONO MESSI A NUDO.

Ho già più o meno risposto a questa domanda aggiungo solo ch per come è nata, pubblicare questa raccolta è stata una “liberazione” un mettermi a nudo totale anche perché forse avevo superato la fase di elaborazione del lutto….mi sono sentito svuotatissimo ma anche contemporaneamente “pieno” anche se non saprei dirti se si tratti di soddisfazione, consapevolezza, un pizzico di orgoglio che altro……un cosa però mi ha stupito, conoscendomi pensavo avrei avuto il terrore della reazione del pubblico, specie di amici e parenti…invece una volta uscito è come se quel libro, dove ci sono io in ogni singola lettera e parola non mi appartenesse quasi più più, o meglio come se avessi lasciato volontariamente le chiavi della mia anima appese e le finestre spalancate in modo che tutti possano guardarci dentro senza che io però tema un invasione o dei furti….ho realmente messo in condivisione me stesso, tutto me stesso, almeno il me stesso di quel periodo. Però tremavo quando è arrivata la scatola con le mie 50 copie del libro e subito dopo averla aperta insieme ai figli ero “spossato” e credo di aver dormito a lungo e profondamente.
13720476_1152030394861916_1897448300_o

HAI ALTRI PROGETTI EDITORIALI ?

Si altre poesie e racconti brevi (a mio avviso o almeno nelle mie intenzioni alcuni molto divertenti), poi avevo iniziato un romanzo ma è fermo, vedremo (maledettamente difficile scrivere un romanza) ho anche fatto un esperimento incompiuto:scrivere una storia “gialla” in” tweet” da 140, 160 caratteri per volta….chissà magari lo pubblicherò. Così come i racconti e le poesie, che comincerò presto a far girare alle case edtirici per vedere se interessano così come è interessato questo che pare, per essere un opera prima, di poesia (genere ahimè poco frequentato) di un autore sconosciuto, se la sia cavata anche al “botteghino”, al netto di parenti e amici dico!
L’intervista  è finita, Mauro oltre che un Uomo Intelligente e Sensibile è anche spiritoso. Ho scoperto in Lui anche un altro aspetto umano che mi coinvolge direttamente : è una persona attenta al sociale e sopratutto e attento a tutto ciò che riguarda la “violenza”! Un Uomo che con i suoi scritti andrà lontano.
Fioralba Focardi


Posta un commento